📌NOI NON CI STIAMO!

Nel 1942 Giorgio Almirante, a cui si vorrebbe intitolare una strada di Roma, scriveva: “Il razzismo ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia, e sia viva in tutti, la coscienza della razza. Il razzismo nostro deve essere quello del sangue, che scorre nelle mie vene, che io sento rifluire in me, e posso vedere, analizzare e confrontare col sangue degli altri… Altrimenti finiremo per fare il gioco dei meticci e degli ebrei”.

La nostra Capitale, una città martoriata dalla guerra fascista, teatro di un spietati rastrellamenti (solo 16 ebrei sopravvissero dei 1259 ebrei deportati dal ghetto) e di massacri di massa come quello delle Fosse Ardeatine non merita un affronto simile.

“Merita nomi di pace, non di dolore”

#WeAreNarin

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *