maggio 29, 2020

Narin Camp 2020

Dove: Urban Oasis Hostel, Lecce

    B&B Mamma Splendora, Lecce

Quando: 3 Agosto 2020 – 8 Agosto 2020

Le giornate saranno così strutturate:

  • Mattina: libera;
  • Pomeriggio/sera: incontro di approfondimento e dibattito.

Le attività verranno svolte all’interno dell’ex Convitto Palmieri.


Cinque giornate in cui si approfondiranno e si discuterà su 4 temi: per l’edizione speciale del Narin Camp abbiamo pensato ad un evento di confronto collettivo, un luogo di incontro e confronto, in cui proporre idee e azioni.

Ma quali sono i temi che approfondiremo?

 

 

3 agosto: PARITÀ

“È necessario cogliere negli altri solo quello che di positivo sanno darci e non combattere ciò che è diverso, che è “altro” da noi.” – Nilde Iotti – 

Sono tantissimi i movimenti di attivisti che da anni provano a mettere fine alle disuguaglianze e provano a fare in modo che si facciano passi avanti rispetto al tema delle parità.

Dalla parità salariale, allo Ius Soli, alle unioni civili: siamo abituati a considerarle tutte singole battaglie perdendo di vista che sono tutte indispensabili per la crescita civile del nostro Paese.

 

 

Ospiti

  • Alessandra Beccarisi – docente presso Università del Salento
  • Maria Pia Pizzolante – portavoce Tilt
  • Anna Caputo – presidente Arci Lecce
  • Tony Donno – Responsabile alla cultura e vicepresidente dell’Istituto per ciechi Anna Antonaci

Facilitatori nei tavoli di discussione

  • Marco Bello – rappresentante presso il Comitato Unico di Garanzia

 

4 agosto: DIVARIO ECONOMICO E SOCIALE

Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.

La riflessione di Don Milani, dopo quasi 60 anni, purtroppo rimane di estrema attualità in Italia e nel mondo. A livello globale, infatti, la ricchezza è distribuita in modo ineguale: da una parte le nazioni evolute e ricche con un benessere ed un tenore di vita costantemente alti, dall’altra parte i paesi sottosviluppati, poveri e privi di risorse, alla disperata ricerca dell’alimentazione minima. L’1% più ricco della popolazione mondiale continua a possedere quanto il restante 99% e quindi sono sempre più crescenti le disuguaglianze socio-economiche.

Il mondo ha fatto progressi significativi nella riduzione della povertà: negli ultimi trent’anni più di un miliardo di persone è uscito da una condizione di povertà estrema. Tuttavia, nello stesso periodo la percentuale di reddito della metà più povera dell’umanità è rimasta pressoché invariata, nonostante la produzione economica mondiale sia più che triplicata dal 1990. Le disuguaglianze compromettono il progresso economico che a sua volta acuisce le disparità sociali create dalle ineguaglianze.

 

Ospiti

  • Patrizia Luongo – ricercatrice per il Forum Disuguaglianze e Diversità
  • Marina Mastropierro – autrice di “Che fine ha fatto il futuro? Giovani, politiche pubbliche, generazioni

 

5 agosto: FORMAZIONE E LAVORO

“Mandiamo i bamboccioni fuori di casa”. Era il 2009 e l’allora ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa coniò questo termine per indicare una generazione di giovani secondo lui troppo pigra e legata alle famiglie di origine.

Sono passati 11 anni ma la situazione non è cambiata: sempre più ragazzi lasciano il nucleo familiare intorno ai 30 anni.

La base del fenomeno per molti è assenza di lavoro, occupazione poco retribuita, lavoro precario, mancata corrispondenza tra formazione e lavoro.

Un paese che priva i propri giovani di un futuro dignitoso fatto di indipendenza e realizzazione professionale.

 

Ospiti

  • Emiliano Sironi – membro Osservatorio Giovani
  • Katia De Luca – presidente Generazioni  Legacoop
  • Ubaldo Villani Lubelli – docente presso Università del Salento
  • Alessandra Beccarisi – docente presso Università del Salento

 

Facilitatori nei tavoli di discussione

  • Studenti Indipendenti – Udu Lecce
  • Link Lecce – Coordinamento Universitario

 

6 agosto: AMBIENTE

Il 20 agosto 2018 Greta Thunberg decide, in vista delle elezioni legislative svedesi, di non andare a scuola e di protestare in difesa dell’ambiente.

Sono passati quasi 2 anni e la tutela ambientale è diventata una priorità per migliaia di ragazzi, che in ogni angolo del mondo protestano e chiedono che i Paesi inseriscano all’interno della loro agenda la difesa del nostro Pianeta e che adottino provvedimenti in questa direzione.

Sono passati 2 anni, nei quali abbiamo sostituito la bottiglia di plastica con la borraccia, abbiamo cambiato alcune nostre abitudini e abbiamo iniziato, forse, ad analizzare quanto le nostre azioni quotidiane possano incidere sulla salute della Terra.

Ma una grande fetta di responsabilità è nelle mani delle industrie e delle politiche adottate dai singoli Paesi: molto deve essere ancora fatto e proprio per questo abbiamo deciso di parlarne al Narin Camp.

 

Ospiti

  • Annalisa Corrado – portavoce di Green Italia e autrice di “Le ragazze salveranno il mondo. Da Rachel Carson a Greta Thunberg: un secolo di lotta per la difesa dell’ambiente
  • Roberto Paladini – presidente Innovaction

 

7 agosto: ASSEMBLEA RESTITUZIONE

Durante la giornata finale verranno presentate tutte le proposte elaborate nei giorni precedenti a rappresentanti istituzionali. Con noi ci sarà Loredana Capone – Assessora con delega all’Industria turistica e culturale, Gestione e valorizzazione dei beni culturali per la regione Puglia, Carlo Salvemini – Sindaco di Lecce, Enrico Pulieri – Consigliere di Presidenza del Consiglio Nazionale dei Giovani.

 

Work in Progress

 

Ultimo aggiornamento: 01/08/2020

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn