Non sono buonista ma…

Luglio 2019 / Ex Convitto Palmieri Lecce

Continuano, domenica 28 luglio 2019, le iniziative del Narin Camp, organizzato dall’associazione TDF Mediterranea in collaborazione con l’associazione Treno della Memoria, il Polo Biblio Museale di Lecce, l’assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia e il patrocinio del comune di Lecce. 

La giornata di domani – che si svolgerà nella meravigliosa cornice del Chiostro dell’Ex Convitto Palmieri a Lecce – si svilupperà in due momenti differenti:

  • alle 18.30, il primo incontro Da Kobane a Kobane. 2014- 2019” con Ivan Grozny Compasso, giornalista freelance, autore di “Kobane dentro. Diario di guerra sulla difesa del Rojava”, che racconterà la sua esperienza come inviato ed esperto del Medio Oriente e, in particolare, della realtà curda; 
  • alle 21.30, “Non sono buonista, ma..” un dialogo con Gad Lerner giornalista e saggista, Daniele De Luca, docente di presso l’Università del Salento, la presidente dell’associazione Terra Del Fuoco Mediterranea, Christel Antonazzo e Paolo Paticchio, presidente del Treno della Memoria, sull’ondata di razzismo e xenofobia imperversanti in Italia e in Europa.  

Allarmata dalle notizie di cronaca che si susseguono quotidianamente, non per ultime le numerose polemiche in seguito al caso di Carola Rakete e della Seawatch e sui tanti casi di aggressione verso cittadini extracomunitari, TdF Mediterranea ha voluto fortemente questa giornata per raccogliere testimonianze e approfondire un fenomeno tanto oscuro quanto drammaticamente attuale, per far luce sulle sue cause e i suoi paradigmi.

Il Narin Camp, che proseguirà fino al 2 agosto presso l’Ex Convitto Palmieri di Lecce, ha l’obiettivo di rilanciare l’attivismo giovanile e stimolare una presa di coscienza sulle questioni più importanti del nostro periodo storico, caratterizzato sempre più da un clima politico di chiusura e di resistenza alle varie forme di pensiero critico. Ogni giornata ha un focus sul quale si concentreranno le iniziative con la partecipazione giornalisti, autori e docenti provenienti da tutta Italia, chiamati a dare una chiave di lettura approfondita alle tematiche del Narin.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *